Relato Erotico Victoria Enciende el Fuego

Victoria accende il fuoco: Storia erotica n.1

Vistas: 36
Tiempo de Lectura:2 Minutos, 53 Segundos

Storia erotica n. 1: Victoria accende il fuoco

Storia erotica Victoria accende il fuoco
Storia erotica Victoria accende il fuoco

Era una notte di dicembre quando mi chiese di venire a casa sua. Era una capanna, lontana dalla città. Abbiamo preso una strada e a poco a poco abbiamo finito di vedere le case e ci siamo trovati circondati solo da alberi.

Mi mise una mano sulle gambe, sentivo un po' freddo, ma mi piaceva. Ho cominciato a sentire un po' di calore provenire dalla pancia, ho sentito la mia vagina bagnarsi…

Non ho detto nulla. Abbassò la mano per metterla tra le mie gambe, sicuramente sentì l'umidità della mia biancheria intima; Stava strofinando la sua mano sulla mia vagina, e io continuavo a bagnarmi sempre di più.

Dopo un po', mise la sua mano dentro il mio perizoma, e la mia vagina si aprì un po' e vidi le sue dita insinuarsi dentro. Io gemevo, mentre mi godevo lo sfregamento delle sue dita dentro di me.

Non so quante volte sono venuto, prima di arrivare alla cabina. Ne è valsa la pena. Una lunga notte ci aspettava.

Era abbastanza bagnato che il mio perizoma ha iniziato a diventare un po 'pesante, quindi quando sono arrivato, l'ho immediatamente tolto. Penso che questo lo abbia reso ancora più eccitato, perché immediatamente, mentre il breve pezzo di stoffa toccava appena il suolo, le sue mani e la sua bocca erano già su di me.

Mi passò la bocca intorno al collo, baciando ogni poro della mia pelle. Lui scese lungo il mio petto, sbottonandomi la camicetta, e mentre lei si toglieva il reggiseno, la sua lingua giocosa circondava i miei capezzoli rosa. Ho sentito come sono diventati eretti e una sensazione di calore li ha attraversati.

Mi sono appoggiato su una poltrona, accanto al camino, ho aperto le gambe senza nemmeno pensarci. Volevo un bacio, in quel momento, e glielo feci sapere, afferrandole la guancia e portandola alle mie labbra socchiuse. Fu un breve bacio, in realtà desiderava che la sua bocca fosse da qualche altra parte. L'ho preso per la testa e l'ho abbassato delicatamente nella mia vagina.

Sapeva bene cosa fare, trovava il mio punto di piacere, come piace a me. Fece scorrere la lingua sul mio clitoride, con movimenti sostenuti, sentì come se la mia vagina si lubrificasse e le riempisse la bocca di liquidi quando mise la lingua nella mia vagina.

Potrei essere così per sempre, venendo da me, gemendo di piacere, avendolo lì, tra le mie gambe. Fino a quando non ce la facevo più, volevo sentirlo dentro. Ho detto: "Vieni, togliti quei vestiti adesso".

Si spogliò nuda e potei vedere come la nostra pelle diventava una cosa sola, con peli eretti e piena di microscopiche goccioline di sudore, che la facevano brillare nell'oscurità della cabina, riflettendo il fuoco del camino.

Abbiamo fatto sesso per diverse ore, e non solo un breve rapporto, ma mille posizioni e carezze.

Mi sono arresa, al punto che un rosa tenue sulla mia pelle, ha sparato un mucchio di elettricità in tutto il mio corpo. L'ho abbracciato e siamo rimasti così per il resto della notte. In quell'istante, tutto il resto scomparve.

Cosa è successo dopo? Questo è il soggetto di un'altra storia.


Belle ragazze ti aspettano nude!!!

https://sexycanal.online/la-arquitecta-relato-erotico/

https://sexycanal.online/la-primera-vez/

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

error: Contenido Protegido.